Viaggio a Santorini: cosa non perdere

  venerdì, 4 mag 2018


Santorini è una delle isole greche più frequentate durante l’estate, e non solo perché offre spiagge meravigliose, ma anche per l’incredibile bellezza deu posti che la rendono un’isola unica nel suo genere. Cosa non puoi assolutamente perdere di Santorini durante una vacanza? Vediamolo insieme

Le spiagge nascoste Le spiagge più gettonate dell’isola sono Kamari, la preferita dai viaggiatori giovani, e Parissa, meta privilegiata per chi viaggia con i tour organizzati. Ma Santorini offre molto di più. Puoi goderti, ad esempio, la bella e silenziosa Coloumbos, con le sue scogliere grigie, oppure Read Beach con i depositi dei pescatori scavati nelle rocce, o ancora Vlychada, con la sabbia nera e la scogliera di tufo.

I siti archeologici Santorini ospita – dopo Delos – il ito archeologico più importante di tutto l’Egeo. A circa 12 km da Fira, infatti, si trova la Città Preistorica di Akrotiri, che nel 1627 a.C. fu interamente sommersa da oltre 30 metri di cenere e pomice dovuti a una grande eruzione. Il sito archeologico di Akrotiri presenta delle rovine in ottimo stato di conservazione, e i 12 euro di biglietto per accedervi ne valgono assolutamente la pena, perchè una visita a questo posto è d’obbligo durante il tuo viaggio a Santorini.

Il cibo locale Nonostante le olive siano il prodotto tipico greco per eccellenza, a Santoririni non ne vedrai nemmeno l’ombra. Il terreno vulcanico, però, è l’ideale per la coltivazione delle viti, e gli abitanti lo sanno bene! Ogni anno, infatti, a Santorini viene prodotto dell’eccellente vino bianco. Ma non solo. Ottimi anche i pomodorini e le melanzane bianche. L’isola è piena di ristoranti tipici e trattorie, ma se vuoi goderti il cibo autentico senza cadere in trappole turistiche ti consigliamo di spostarti nella parte meridionale dell’isola e provare una delle tante cantine con i suoi gustosi piatti locali.

I paesi Ogni borgo di Santorini, oltre ad avere una sua storia, si caratterizza per dei tratti unici, più o meno affini al tipo di atmosfera che stai cercando. Fira, ad esempio, è il posto più affollato dell’intera isola, dove di giorno i turisti vagheggiano tra le spiagge e i negozi di souvenir, mentre di sera affollano i locali bevendo birra e ballando a ritmo di musica. Oia, invece, è un po’ più “raffinata”, con le sue eleganti cupole blu, mentre Pyrgos decisamente più rurale, con gli stretti vicoli che portano al castello. Il nostro consiglio è quello di dedicare un po’ di tempo durante il tuo viaggio a Santorini ad esplorare questa piccola e meravigliosa isola ed esplorarne tutti i borghi.